Cos’è BioArmonie

BioArmonie è un bi-trattamento di armonizzazione della componente fisica con la componente energetica dell’essere umano.

Risveglia ed equilibra l’energia vitale della persona, attraverso un profondo rilassamento. Permette di allentare tensioni e dolori, tramite l’osservazione consapevole della loro esistenza.

E’ una forma di meditazione autoguida sul corpo, con l’accompagnamento di Gloria Nobili e l’apporto energetico di Monica Manzoni.
E’ un viaggio di esplorazione che origina dalla pura osservazione delle sensazioni corporee e coinvolge tutti i livelli di espressione di sé (fisico-emozionale-mentale-spirituale).

A differenza di altri metodi, le conduttrici non utilizzano movimentazioni né visualizzazioni guidate. Non dovrai imparare delle tecniche.

Lo scopo principale di BioArmonie è attivare quel potere personale che consente a ciascuno di essere artefice del proprio benessere.

Le porte del tuo giardino interiore non hanno chiavistelli, ma solo tu puoi darti il permesso di aprirle.

La felicità è quando ciò che pensi, ciò che dici e ciò che fai sono in completa armonia” (Mahatma Gandhi)

A volte non ci sentiamo bene e non sappiamo come fare per uscire da questo stato. A volte non ci sentiamo nemmeno, presi dalla frenesia quotidiana. Invece il contatto col proprio corpo e le sensazioni che sa rimandarci è di primaria importanza per il benessere. BioArmonie è un bi-trattamento che agisce combinando tecniche tratte da Reiki e da metodo Resseguier. Immagina di poter agire per il tuo benessere a due livelli, consapevole e inconsapevole, contemporaneamente. Gli effetti sono immediati e notevolmente amplificati rispetto a trattamenti tradizionali.

BioArmonie nasce dall’incontro con Gloria Nobili, dottoressa in fisica, libera ricercatrice in biofisica e operatrice olistica transpersonale.

A quanto pare, la causa è nello spirito e l’effetto nella materia” (Ulrich Emil Duprée)

La nostra cultura occidentale è abituata a ragionare in termini di separazione tra corpo e mente. Tuttavia i più recenti studi sia in ambito psicologico che biofisico provano senza ombra di dubbio che i due sistemi sono in realtà un’unica entità. Le manifestazioni corporee vengono elaborate a livello mentale, producendo pensieri ed emozioni, che a loro volta hanno una ricaduta sul corpo, facendo ricominciare il ciclo di reciproca relazione. Ad esempio, uno studio (1) che ha misurato in maniera precisa la risposta microdermica (ovvero lievissime variazioni della sudorazione, ma indicative dell’attività del sistema nervoso autonomo), ha concluso che è un indice psicofisiologico sensibile delle variazioni dell’eccitazione del sistema nervoso autonomo simpatico che è integrata con stati emotivi e cognitivi. Inoltre, stati di eccitazione fisica espressi tramite variazioni della sudorazione influenzano la cognizione e l’emotività, grazie alle sostanze chimiche presenti nel sudore che fungono da messaggeri per il cervello.

L’organismo umano dunque inteso come unica entità corpo-mente è un ricevitore e un trasmettitore di informazioni con l’ambiente in cui si trova. Il percorso che le miriadi di informazioni compiono è sempre bi-direzionale: collegano l’individuo con l’esterno, passando dall’uno all’altro, creando modificazioni che l’organismo compensa dinamicamente attraverso i suoi sistemi di autoregolazione.

Studi recenti (2-3-4) affermano che il nostro stare accanto all’altro non è ininfluente, al contrario il nostro modo di essere contagia la fisiologia dell’altro. Che ne siamo consapevoli o meno, ciò che avviene nella relazione tra persone in contatto fisico ha un’influenza sulla funzione omeostatica dell’organismo e sulla relazione.

BioArmonie abbraccia tutte queste sfaccettature della relazione corpo-mente, corpo-mente-ambiente, corpo-mente-relazione e le enfatizza regalando alla persona la possibilità delicata, rispettosa e potente di entrare in contatto con la propria energia vitale e le capacità di autoguarigione.

Bibliografia

  1. Critchley HD. (2002). Electrodermal responses: what happens in the brain. In Neuroscientist.
  2. Goleman D. (2006). Intelligenza sociale. Milano: BUR.
  3. Boella L. (2006). Sentire l’altro. Conoscere e praticare l’empatia. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  4. McTaggart L. (2013). La scienza dell’intenzione.Modena: Macro Edizioni.